16 Mar 2012

Civiltà perduta

Scritto da romamigliore

Il titolo è tutto un programma; recita come il popolo italico stia perdendo mano mano i segni di una civiltà, di un rispetto che gli appartenevano.

Premetto che per fortuna esistono ancora persone civili, garbate e gentili, ma quella che è più di una sensazione, ai miei occhi, appare come una situazione difficile da riprendere, tanto è degradata nel mal costume e nella piena inciviltà.

 

verde-pedoni

Pedoni:

Un segno che tutti noi conosciamo, lo si insegna ai bambini fin da piccoli quando si può passare e quando si deve attendere.

Non ci sono scuse, la cività passa attraverso il rispetto e le regole!!

Regole sempre presenti, non sono state cancellate, ma l’egoismo delle persone, il proprio egoismo le ha fatte passare in secondo piano…. ma io ho fretta, ma mica posso stare ad aspettare, ma non passo mai, ma tanto sto attento, ma tanto non succede niente.

Il malcostume fa parte anche degli usi e costumi dei pedoni. Infatti occorre prestare attenzione nell’attraversare la strada solo sulle strisce pedonali o dove consentito, non mi dilungo nel recitare il codice della strada, ma sappiamo tutti dove poter passare e dove no. Ma ci sono dei ma, ci sono delle attenzioni che in ogni caso il pedone deve avere riconosciute, la mancaza delle strisce pedonali, la loro verniciatura, che forse a causa dei pneumatici  moderni dura veramente poco. Basterebbe mettere delle bande di materiale apposito, annegate nell’asfalto per evirare lavori di manutenzione di scarsa resa. La segnalazione ai semafori non è chiara in molti casi l’arancio pedonale scatta qualche secondo dopo il verde. Perchè complicare le cose che erano già facili, quando qualche decennio fa il verde iniziava a lampeggiare indicando lo scadere a breve del nostro tempo per attraversare… eppure era così facile!

I commenti sono chiusi

  • Ricerca

    o
  • Clock

    Get Adobe Flash player
  • Contatore

    24749 Visitatori

  • Slideshow

    Procurati il Flash Player per vedere la presentazione.
  •  

    Marzo: 2012
    L M M G V S D
    « Feb   Mag »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031